Program Structure/it

From Lazarus wiki

Deutsch (de) English (en) español (es) français (fr) italiano (it) 日本語 (ja) 한국어 (ko) русский (ru) 中文(中国大陆)‎ (zh_CN)

 ◄   ▲   ► 

Fondamenti 1A - Struttura del programma (author: Tao Yue, state: changed)

La struttura fondamentale di un programma Pascal è:

PROGRAM ProgramName (FileList);

CONST
  (* Constant declarations *)

TYPE
  (* Type declarations *)

VAR
  (* Variable declarations *)

(* Subprogram definitions *)

BEGIN
  (* Executable statements *)
END.

L'enunciato PROGRAM è opzionale in Free Pascal.

Gli elementi di un programma devono essere nell'ordine corretto, sebbene alcuni possano essere omessi se non necessari. Ecco un programma che non fa alcunché, ma include tutti gli elementi necessari:

program DoNothing;
begin
end.

I commenti sono porzioni di codice che non viene compilato né eseguito. Free Pascal supporta due tipi di commenti, "free-form" e "line-based". I commenti "free-form" possono cominciare con (* e terminare con *), oppure, più comunemente, iniziare con { e terminare con }. Non è possibile annidare commenti:

        (* (* *) *)

produrrà un errore poiché il compilatore assocerà il primo '(*' con il primo '*)', ignorando il secondo '(*' che si trova all'interno del primo insieme di marcatori di commento. Il secondo '*)' resterà privo del corrispondente '(*'. Questo problema con l'inizio e la fine dei marcatori di commento è una delle ragioni per cui molti linguaggi utilizzano sistemi di commento "line-based."

Free Pascal offre anche supporto per i commenti su linea singola //. Quando compaiono due segni di "slash", il resto della linea è ignorato, tranne nel caso di una stringa tra apici o all'interno di un commento del tipo "free-form."

Turbo Pascal e la maggior parte degli altri compilatori moderni supporta commenti "free-form" tra parentesi graffe, come {Comment}. La parentesi graffa aperta indica l'inizio di un blocco di commenti, mentre quella chiusa ne indica la fine. Questo tipo di commenti è utilizzato anche per le direttive del compilatore.

I commenti rendono il codice più semplice da comprendere. Scrivendo codice senza inserire commenti, si rischia di tornare ad esaminarlo settimane, mesi o anche anni dopo, privi di una guida che spieghi perché si sia scritto il programma in quel modo. In particolare, sarà utile documentare il design generale del programma, ed inserire commenti nel codice quando ci si discosta da quel design per una buona ragione.

Inoltre, i commenti sono spesso impiegati per rendere temporaneamente "inattive" porzioni problematiche di codice, senza doverle cancellare. Ricordate la precedente restrizione riguardo l'annidamento di codice? Accade che le parentesi graffe {} abbiano precedenza ripetto alla notazione parentesi-star (* *). Non verrà riscontrato alcun errore in un caso come questo:

{ (* Comment *) }

Gli spazi bianchi (spazi, tabulazioni, e termine delle linee) sono ignorati dal compilatore Pascal, tranne nel caso in cui siano all'interno di un letterale stringa. In ogni caso, per rendere i vostri programmi leggibili dagli esseri umani, dovreste indentare i vostri enunciati e disporre enunciati diversi su linee distinte. L'indentazione rappresenta spesso un'espressione di individualità da parte dei programmatori, ma per progetti collettivi viene solitamente selezionato uno stile comune per permettere ad ognuno di lavorare in modo consistente.

 ◄   ▲   ►